Certamente non volare..

“E così la desinazione ha importanza? O ce l’ha il sentiero che prendiamo? Io dichiaro che nessun risultato ha la stessa importanza della strada usata per raggiungerlo. Noi non siamo creature di destinazioni. E’ il viaggio che ci forma. I nostri piedi callosi, le nostre schiene forti per aver portato il peso dei nostri viaggi, i nostri occhi aperti con la gioia recente di esperienze vissute.”

“La via dei re”,
B.Sanderson

Annunci

Naufrago

Un grido è stato udito in Rama,
un pianto e un lamento grande;
Rachele piange i suoi figli
e non vuole essere consolata, perché non sono più
.

Quando una barca affonda, brucia, si inabissa, cola a picco..le vittime si chiamano naufraghi. Alcuni diventeranno superstiti, altri no. Non sono migranti, non sono immigranti, non sono clandestini.
Si chiamano naufraghi. Siano essi passeggeri di una crociera colata a picco per l’incuria di chi la dirigeva, passeggeri di un traghetto incendiatosi nell’Adriatico o passeggeri di un rottame alla deriva che sperano di toccare la costa prima che quest’ultimo si disfi sotto i loro piedi e le loro miserie.
Le vittime del mare si chiamano naufraghi, perchè la sensazione di essere inghiottiti dalle acque senza sapere nuotare è la stessa, lo smarrimento di sapersi in balia di qualcosa di più grande, potente e incontrollabile è la stessa.

Perchè il freddo dell’acqua non ti chiede chi sei, da dove vieni, che religione professi, quando senti che sei troppo stanco, che la prossima onda vincerà, che le persone che erano di fianco a te sono scomparse, che senti solo le loro urla, che il tuo amico, figlio, compagno di viaggio si è già arreso; quando l’acqua ti sovrasta e sai che non ce la fai più e sputi sale e lacrime e gridi non ti aiuta sapere che eri in vacanza o in viaggio o in fuga.
E la prima volta che i tuoi polmoni respirano acqua salata questa brucia e ti riempie gli occhi di lacrime e il cuore di gelo e la superficie del mare è lontana sopra di te o forse sotto, e lo senti, lo capisci, hai il tempo di realizzare che è la fine e di essere terrorizzato con ogni fibra del tuo essere.
Sei solo un essere umano che ha paura, un naufrago.